Distretti industriali e made in Italy. Le basi reali del rinnovamento italiano

Distretti industriali e made in Italy. Le basi reali del rinnovamento italiano

di Giacomo Beccattini

Dopo anni in cui sembrava che i modelli della grande impresa taylorista e fordista fossero gli unici paradigmi della modernità industriale ci si è accorti - e Becattini è stato uno dei primi - che: la dimensione media dell'impresa non è di per sé un indicatore univoco di efficienza e competitività; in regioni come la Toscana, ma anche l'Emilia e il Veneto, la base industriale è data dai suoi distretti industriali; la "base della base" è data dall'accumulazione di conoscenza e di esperienze nella testa degli imprenditori e dei lavoratori del distretto; la varietà dei ceppi culturali e delle esperienze storiche delle comunità industriali italiane è punto di forza irrinunciabile.